Notizie Parrucchieri e Bellezza

Notizie e novità dal Mondo della Bellezza
Information and news from the World of Beauty
Informationen und Neuigkeiten aus der Welt der Schönheit
Information et nouvelles du monde de la Beauté
Información y noticias del mundo de la belleza
信息和新闻从美的世界
Информация и новости из мира красоты
المعلومات والأخبار من عالم الجمال


BEAUTY NEWS

Wrapping up a debut compendium of visual narratives is no mean feat—in the age of lustful news, social media, and a whole lotta havocs—but here to show us how it’s done with an empowering new release is photographer Hugo Comte, who has officially launched his first curated book of imagery. Drawing on his own personal growth and experiences, the artist lays his emotions bare on the release, which details his reverence for the women who inspired him throughout his career, as he takes us on a journey filled with riveting storytelling, fascinating muses and imagery that’ll have you reminiscing of fashion’s most glorious era.

“I started to actually explore different mediums like music, movies, architecture and design which made me look back at the last three years of my career as a photographer,” he asserts. “Having this different perspective made me see my work as one single identity and message, and I really wanted to share this in one object.” A mix between exclusive and published works, the photo book captures a supermodel zeitgeist. “I have always wanted to give a more physical and material impact to my images, which is why I have always used the barcode. With the book, I really wanted to create an object that is the symbol of my first three years of work; I started to really feel that people created a sort of identity around me from that time period and I wanted to create an object that is the cross-roads of all of these ideas.”

Starring muses such as Dua Lipa—for whom Comte shot her latest album—Bella Hadid, Kendall Jenner, and Irina Shayk, the book marks a celebration of women who have inspired his vision, weaving in a feel-good, cinematic portraits transporting us to beautiful grounds galore. Of women, Comte explains: “My first thought was to use only portraits of women as I feel it is the most intimate part of my work and where I express myself the best. Groups wouldn’t allow such intimacy as a portrait does, where it's the viewer and the woman only. When I shoot an image, I always try to give the feeling that the woman is not being photographed but that she is looking through the camera, which gives a direct contact between the watcher and the muse. I dedicate my entire being, energy and focus to making these women as beautiful as possible. Not just a universal vision of beauty but in a very personal way. I really look at them constantly and am very present, I am completely involved and hands-on in every part of the process, and they know that my intention and only concern the whole day is to dedicate myself to them.”

As seductive as the noble art of Greek sculptures, it’s hard to fathom how beautiful and true the techniques of Comte are: Walking a fine line between pragmatism and mystery, the compendium encompasses special pieces made in collaboration with airbrush artists to repaint his imagery, as well as unique CGI pieces designed in a matching grained texture, a landmark style for which he’s best known. “The process of creating, selecting, and narrowing my work for this project has really highlighted what is the most exciting and important part for me, and that is my process of working with these models, as well as the importance of colour,” he reflects. “Creating a book has made me realise who I am as an artist, and how I want to represent myself by translating my identity through design, art and communication which is very interesting.”

Speaking on womanhood, from a fashion and photographic standpoint, Comte says that to be a great model isn’t just about having right look, but it’s really about the muses’ intention hinged with a sheer emotional intensity. “I think that [having emotions] is very specific to now, as there have been so many years where the women were just dolls or a 'porte manteau’ for the clothes. Historically people used models to show their message, but for me, what really matters when you look at these women is that you feel their intention becomes a message because they have depth and are inspiring.”

But behind the bold narrative, a question arises: What’s the title of it? The all-white surface may hint at various options, but the answer remains one: it’s nameless. The book’s minimal approach was chosen in order to embody a sense of timelessness, featuring one barcode on its front cover—a recurring symbol of Comte’s aesthetic to depict physicality—which elevates an uncluttered edge.

For this, Comte worked with London-based Art Director David McKelvey on the 200-page anthology, which encompasses 85 images. “Hugo’s vision is extremely precise and detailed, so a lot of the decisions we were making were totally clear from the beginning,” comments McKelvey, adding, “the result is hopefully an engaging balance, between the meticulous and the experimental, the romantic and the technical, and an introspective trip into the artist’s vision.”

**

The book is accompanied by an exhibition at the Tase Gallery, LA, where Comte will be exhibiting by way of a one-week show of seven selected works in the brand-new gallery space (February 25th – March 3rd).

Published by Nikita publishing, it’s available at www.hugocomte.com/book.



Continua a leggere

Tra le tendenze capelli 2021 spiccano i capelli bianchi, dai riflessi argento ai biondi estremamente chiari e luminosi. Ma quali sono i tagli perfetti da indossare con i capelli bianchi? Il vero segreto è prendersi cura del colore in modo che sia sempre impeccabile, e anche del taglio, soprattutto se corto. Dal mullet al bob, ecco tutti i tagli da provare con i capelli bianchi.Continua a leggere

Continua a leggere

I colori moda 2021 secondo Valentino sono intensi e preziosi come nell'arte Preraffaellita 

"Una regina con un vestito opale o rubino, una ragazza senza nome vestita con i più freschi verdi dell’estate" - Christina Rossetti, Nello Studio Di Un Artista (1896)

Pierpaolo Piccioli è un artigiano del colore, un distillatore di sfumature che infonde le collezioni Valentino di tonalità vive e vibranti. Per la primavera-estate 2021, il direttore creativo guarda alla duplice tavolozza del fiore e della pietra preziosa - l'intenzione apparente è una cromoterapia tessile che risollevi l'animo attraverso l'intensità di un rosso papavero, di un verde smeraldo. Sempre riconducibile a un movimento artistico, a una corrente pittorica, lo stile di questa stagione attinge le sue nuance dai quadri ottocenteschi dei Preraffaelliti, riscoprendone il gusto per consistenze leggere, forme fluide e gradazioni regali. Dante Gabriel Rossetti, William Holman Hunt, John Everett Millais, e poi ancora William Waterhouse ed Edward Burne-Jones passano il pennello a Piccioli che ne riporta l'immaginario su seta e chiffon. 

GorunwayLa Visione di Fiammetta, Dante Gabriel Rossetti, 1878.
La Visione di Fiammetta, Dante Gabriel Rossetti, 1878.

Il rosso è papavero, rubino, veneziano, reso delicato come un bocciolo di rosa dalla trasparenza della stoffa, ma sempre fedele alla sua natura sanguigna. Ipotetico omaggio a La Visione di Fiammetta di Rossetti del 1878, è un colore che trasmette potenza e rinascita, per un giorno energico a metà strada fra i marciapiedi di una Milano nel sole e le strade della Firenze di Boccaccio, cui il dipinto si ispira. 

GorunwayFlaming June, Frederic Leighton, 1895.
Flaming June, Frederic Leighton, 1895.

Ambra, mandarino e color pistillo di zafferano caratterizzano i modelli arancioni, da sfoggiare nei tramonti estivi con la scarpa bassa e i capelli sciolti, mentre topazio e giallo girasole sono la base vitaminica di un bouquet stampato dai petali bianchi, come nella Filatrice di Waterhouse (1874), di cui si riscontrano i drappi e le morbidezze. 

GorunwayLa Filatrice, John William Waterhouse, 1874.
La Filatrice, John William Waterhouse, 1874.

Il verde è la giada dalle vene petrolio, il bosco in ombra dal sottotono freddo della Green Summer di Burne-Jones o un'Astarte Syriaca, da portare con disinvoltura sul sandalo argento, una borsa Rockstud sotto braccio come un mazzo di fresie rosa. Niente blu, si passa direttamente a un fucsia fluorescente e a un lilla pallido, con ruche volanti che ricordano il vestito bagnato, immerso nei fiori, dell'Ofelia di Millais (1852), per un romanticismo contemporaneo ma comunque grintoso, che all'impalpabilità accosta il carattere di un design non facile da indossare. 

GorunwayAstarte Syriaca, Dante Gabriel Rossetti, 1877.
Astarte Syriaca, Dante Gabriel Rossetti, 1877.

Completano quest'esposizione di abiti i veli nocciola e color corteccia di capi monospalla e midi che inneggiano alle dame pseudo-medievali di Waterhouse, ai suoi Fillide e Demofonte, alle Ninfe che trovano la testa di Orfeo (1900), in un trionfo di toni nude che sono seconda pelle ed espansione dell'ego, con la calzatura gioiello che cattura la luce, il monile importante e la borsa maxi, per ogni evenienza.

GorunwayCirce offre una coppa a Odisseo, John William Waterhouse, 1891.
Circe offre una coppa a Odisseo, John William Waterhouse, 1891.

Con i riflessi di una gemma e la fragilità intrinseca del mondo floreale, i colori moda 2021 di Valentino sono un piacere per gli occhi, una gioia visiva da indossare e condividere come un'opera esposta in museo, pittura in un movimento che suscita stupore a ogni passo.

GorunwayElena di Troia, Evelyn De Morgan, 1898.
Elena di Troia, Evelyn De Morgan, 1898.
Valentinovogue-valentino-colori-tendenze-collezione-primavera-estate-2021 (15).jpg
Gorunway
Valentinovogue-valentino-colori-tendenze-collezione-primavera-estate-2021 (2).jpgGorunwayValentinovogue-valentino-colori-tendenze-collezione-primavera-estate-2021 (13).jpgGorunwayValentinovogue-valentino-colori-tendenze-collezione-primavera-estate-2021 (14).jpgGorunwayValentinovogue-valentino-colori-tendenze-collezione-primavera-estate-2021 (6).jpgGorunwayValentinovogue-valentino-colori-tendenze-collezione-primavera-estate-2021 (11).jpgGorunwayValentinovogue-valentino-colori-tendenze-collezione-primavera-estate-2021.jpgGorunwayValentinovogue-valentino-colori-tendenze-collezione-primavera-estate-2021 (1).jpgGorunwayValentinovogue-valentino-colori-tendenze-collezione-primavera-estate-2021 (9).jpgGorunwayValentinovogue-valentino-colori-tendenze-collezione-primavera-estate-2021 (10).jpgGorunwayValentinovogue-valentino-colori-tendenze-collezione-primavera-estate-2021 (3).jpgGorunwayValentinovogue-valentino-colori-tendenze-collezione-primavera-estate-2021 (4).jpgGorunwayValentinovogue-valentino-colori-tendenze-collezione-primavera-estate-2021 (5).jpgGorunwayValentinovogue-valentino-colori-tendenze-collezione-primavera-estate-2021 (8).jpgGorunwayValentinovogue-valentino-colori-tendenze-collezione-primavera-estate-2021 (7).jpgGorunwayValentinovogue-valentino-colori-tendenze-collezione-primavera-estate-2021 (12).jpgGorunway


Continua a leggere

Quando il mondo è andato in lockdown per la prima volta l'anno scorso, il mondo creativo ha risposto rapidamente. I musei hanno lanciato mostre virtuali e programmi culturali dedicati alla moda che potevano essere vissuti da casa sono sorti ovunque, dall'Argentina al Canada al Sud Africa. I teatri hanno iniziato a trasmettere gli spettacoli in streaming. I musicisti collaboravano tramite TikTok. I pittori tenevano lezioni d'arte dal vivo su Instagram. Gli stilisti hanno realizzato presentazioni virtuali simili a sfilate.

Quindi, i tempi difficili stimolano la creatività o semplicemente la sopravvivenza? È una questione discussa da tempo immemorabile, spesso sotto i riflettori quando ci troviamo di nuovo in circostanze difficili. Durante il primo lockdown la domanda è stata posta di nuovo. In che modo, ci si chiedeva, questo periodo di interruzione e perdita influenzerà ciò che viene creato e diffuso nel mondo? Condurrà a un ripensamento visionario di sistemi e forme? Influirà sull’arte? Sulla nostra cultura? Sui vestiti che indossiamo? Come Shakespeare che scrive King Lear durante un’epidemia di peste o Isaac Newton che inventa il calcolo infinitesimale durante un'altra, quali nuove innovazioni o scoperte potrebbero essere fatte?

La moda è indistruttibile, British Vogue giugno 1941
La moda è indistruttibile, British Vogue giugno 1941
Cecil Beaton / Vogue / © Condé Nast

Sicuramente, l'andamento della storia suggerisce alcune ovvie alleanze tra eventi sismici, globali o personali, e la conseguente risposta creativa. Ovviamente è inutile aspettarsi una grandezza geniale in un periodo tragico per molti, inesorabilmente stressante per altri (in particolare a livello finanziario per i creativi) e monotono per tutti. Ma lo scorso anno ha prodotto una serie di innovazioni e soluzioni fantasiose, oltre a un travolgente senso di curiosità su come questo periodo possa aprire la strada a ulteriori trasformazioni.

Anche l'industria della moda ha chiesto grandi ripensamenti, con Tom Ford che ha pubblicato una lettera aperta a nome del Council of Fashion Designers of America (CFDA) lo scorso maggio. “L'industria cambierà; ma il cambiamento offre anche un'opportunità per ripristinare, riavviare e creare una solida base per il futuro della moda americana”, ha scritto. Questa lettera annunciava l'iniziativa di raccolta fondi e narrazione A Common Thread, una continuazione del CFDA/Vogue Fashion Fund istituito dopo l'11 settembre, che da allora ha donato più di 5 milioni di dollari alle imprese statunitensi bisognose.

Courtesy of YUEQI QI
Vogue Creativity Issue: questi giovani stilisti provano che la creatività vince anche durante una pandemia
Da Londra a Lagos, siamo andati in giro per il mondo su Zoom per conoscere i giovani stilisti emergenti, simbolo della forza della creatività in tempi di crisi

È questa idea di trasformazione e rinnovamento che sembra particolarmente pressante in questo momento, in tutto il mondo. È un'idea che suscita ulteriori domande e riflessioni. In che modo la risposta positiva della Corea del Sud al Covid-19 si è intersecata con la dinamica e lungimirante scena culturale e della moda del paese? Che impatto ha avuto una maggiore enfasi su innovazione digitale e shopping online sui designer africani alla ricerca di un pubblico più ampio? Quali cambiamenti ci attendono ancora?

Cosa significa essere creativi in circostanze difficili?

Prima di fare ulteriori speculazioni sul futuro, vale la pena dedicare un momento al passato per guardare al Vogue inglese durante la seconda guerra mondiale. Il direttore Audrey Withers si trovò improvvisamente a dover bilanciare la moda più standard della rivista con il riconoscimento delle circostanze ampiamente alterate dei suoi lettori, spesso arruolando l'occhio sensibile della fotografa americana Lee Miller per riflettere accuratamente la realtà dei tempi. Nel 1944, Miller si recò in Francia dove iniziò a documentare l'invasione alleata dell'Europa occupata dai nazisti come una delle sole quattro fotografe accreditata dalle forze armate statunitensi. Le immagini strazianti e le relazioni scritte che inviava venivano spesso pubblicate sulla rivista nella loro interezza.

Fire Masks, American Vogue luglio 1941Fire Masks
Fire Masks, American Vogue luglio 1941
© Lee Miller Archives

Ci sono molti altri eventi a cui potremmo attingere che mostrano un mix di immaginazione e reattività. Si potrebbe, ad esempio, guardare alla guerra fredda come un periodo prolungato di incertezza e leggere una sorta di ottimismo e paura mescolati nei successivi progetti dell'era spaziale di Pierre Cardin e Paco Rabanne, descritti da Jane Pavitt e David Crowley nel loro libro Cold War Modern: Design 1945-1970 (V&A Publishing, 2008) in quanto possiede una “dualità di utopia e disastro”. Allo stesso modo, la caduta del muro di Berlino nel 1989 ha cementato una scena techno piccola ma in crescita e l'ha trasformata in un enorme movimento guidato dai giovani, alimentato dalla riunificazione, che si è diffuso oltre i rave party per incorporare anche arte, moda e sottoculture queer.

Pierre Cardin e Lauren Bacall con le modelle sul set di Bacall and the Boys, 1968
Pierre Cardin e Lauren Bacall con le modelle sul set di Bacall and the Boys, 1968
Archives Pierre CardinQual è il ruolo dell'industria della moda dopo la pandemia?

Sinceramente, in questo momento, siamo ancora nel bel mezzo del guado, stiamo facendo fronte comune rispetto ai fatti così come sono: a volte con fantasia, a volte in modo pragmatico. Indubbiamente ci aspetta un cambiamento più grande. Gli orli si alzarono e gli anni '20 si fecero sentire perché vennero dopo la perdita e la trasformazione sociale della prima guerra mondiale. Dior, come risposta alle privazioni della seconda guerra mondiale, abbracciò una silhouette basata sull'eccesso. Secondo le riflessioni dell'ex direttore creativo di Lanvin Alber Elbaz sul recente lancio del suo nuovo marchio, AZ Factory, “dopo l'influenza spagnola e la prima guerra mondiale, ci fu un picco di creatività in Francia noto come les année folles (gli anni pazzi). Continuo a chiedermi, cosa succederà dopo la pandemia? Si tornerà agli année folles?”

Loewe Menswear autunno inverno 2021
Loewe Menswear autunno inverno 2021

Ci sono già molti stimolanti suggerimenti su ciò che verrà. Le grandi case di moda hanno dovuto mettersi alla prova con le presentazioni in un'epoca di distanziamento sociale: che si tratti di LOEWE che mette in primo piano la tattilità attraverso spettacoli in elaborate scatole o Balenciaga che abbraccia il potenziale digitale attraverso un videogioco interattivo. Come con quest'ultimo, è probabile che la tecnologia svolga un ruolo particolarmente strumentale, qualunque cosa succeda, potenzialmente attraverso percorsi inaspettati come l'abbigliamento interamente digitale o la tecnologia VR.

Anche l'editoria della moda ha subito un processo introspettivo. Le copertine speciali di Vogue come quella tutta bianca ad aprile o quella di giugno con i disegni dei bambini suggeriscono una volontà, proprio come Withers durante la seconda guerra mondiale, di andare oltre la normale copertura mediatica della moda e pensare più profondamente a riflettere la realtà dei tempi in cui viviamo. L'incontro di designer e altri professionisti del settore, sia per lo scopo di creare dispositivi di protezione, abbattere le barriere all'ingresso nella moda o sostenere imprese più piccole e indipendenti, suggerisce anche un gradito senso di coesione comunitaria e il desiderio per il futuro di un mondo della moda migliore e più giusto.

Kenneth Ize primavera estate 2021
Kenneth Ize primavera estate 2021

Altrove, sembra che la pandemia abbia spinto a concentrarsi ulteriormente sull'ambiente. Soluzioni fantasiose a limiti attuali, come l'uso di scorte morte e tessuti riciclati, sono un cenno verso un potenziale futuro più snello e più verde. L'enfasi sull'artigianato lento, forse attraverso un desiderio di creatività e fabbricazione tangibili, ha anche trovato nuovi consensi. Come afferma il designer nigeriano Kenneth Ize che, durante una discussione con Marc Jacobs per la serie Global Conversations di Vogue lo scorso anno, ha parlato di costruire un nuovo telaio per i suoi tessitori da utilizzare a casa, afferma: “La creatività non si ferma mai, assolutamente. Deve continuare a muoversi. Devi trovare un modo per farla continuare.”



Continua a leggere

Lunghissimi lacci per legare vestiti, top e gonne. La moda della primavera estate 2021 si annoda

Intrecciare, avvinghiare, girare e infine annodare. Non stiamo parlando dell'arte del macramé ma di lunghissimi lacci che troviamo su vestiti, micro top e gonne della primavera estate 2021. Un piccolo dettaglio che può trasformarsi in un elemento chiave del look. 

Le linee semplici e i capi più casual vengono personalizzati da inedite torsioni: chi indossa il capo può sottolineare alcune sinuosità, là dove preferisce. Un lunghissimo laccio che avvinghia il corpo può trasformarsi in un corpetto, mentre in un vestito cut out ( o dotato di importanti scollature) può mostrare il lato più fetish attraversando così la nudità. Un elemento semplice ma ricco di potenzialità, proprio perché si tratta di una sensualità che mette alla prova idee, creatività e invenzione. Non mostra ma si rivela tra intrecci e nodi.

Poi c'è la parte pratica: realizzare un nodo ad arte per ottenere il risultato sperato. Quel piccolo fiocco finale può diventare un elemento décor importante che, oltre ad avere la funzionalità di legare i lunghissimi lacci (per non lasciarli sospesi e penzolanti), può catturare l'attenzione in un particolare punto del corpo. 

Con sensualità e audacia, senza mai usare un tratto caricaturale, bastano un paio di lunghissimi lacci per mettere in mostra la naturale bellezza delle curve femminili e il profilo netto. I dettagli strappy sono così una tendenza avvolgente, nata per sottolineare il rapporto tra moda-corpo-abito

JacquemusAcne StudiosVejasCharlotte KnowlesNensi DojakaChristopher EsberVersaceAltuzarraVictoria BeckhamSupriya LeleMichael Kors Collection


Continua a leggere

On Dreams and Screens • Photo Gallery
Ira LupuIra LupuIra LupuIra LupuIra LupuIra LupuIra LupuIra LupuIra LupuIra LupuIra LupuIra LupuIra LupuIra LupuIra Lupu

Ira Lupu started her ethereal multimedia project on the psychology of online sex work in 2019, when she met Marina Minimaus, who has been camming since the age of 15, in her hometown of Odesa, Ukraine. While getting to know more online sex workers in Ukraine and the US, Ira continued the work, named “On Dreams and Screens”, at the International Center of Photography; and later with the Tbilisi Photo Festival and the Prince Claus Fund. She has photographed her subjects in the places of their childhoods, favorite nature spots, and at home.

Ira Lupu: “Among all the reactions that I received on the project, one was really curious to me. In a comment section on Facebook, some guy from Romania asked, “Wtf is so interesting about cam girls?”. Global lockdowns have strengthened human relationships with the virtual world, and with top celebrities embarking on a pilgrimage to OnlyFans, online sex work has started getting more fetishized media attention than ever — so an urge to ask this is understandable.

I re-addressed the question to Bridgett Magyar, a Brooklyn-based artist, sex workers’ rights activist, and a cam girl with 4 years of faithful experience. She was also my wise and beloved participant in the extended version of “On Dreams and Screens”. Here is what she wrote.”

CAM GIRLS RUN THE WORLD by BRIDGETT MAGYAR

“In response, but not limited to the question — “what the fuck is so interesting about cam girls?”

Cam girls are interesting in nature because they’ve offered something to the civilian world since the early days of the internet, to the current moment of digital intimacy, that simply cannot be found elsewhere; a Curated-to-You-Fantasy. Scroll, select, and pay to view your dreams come true.

Cam girls are a virtual playground of delight. The patron saints of “illusion”. Cam girls amuse, as muse, to screens and enthusiastic voyeurs a plenty, so long as they are tipping or offering worthwhile dialogue. All together blurring the sentiment of pretend and lust.

Cam girls are more than the charming subject on screen playing agent provocateur. Cam girls are often used as a vehicle to fulfillment, to have a fantasy explored, exposed, and revealed to their clientele. Cam girls are healers and educators. Cam girls are energy workers and gurus. Cam girls work in the certain margins of sex work; in the mystery of their bedrooms, often alone, taking on challenging hours and circumstances.

Cam girls are soldiers of sexual liberty and personal security. Livelihoods and the privacy of their world, often threatened; faced with stolen content, hackers, and fraudulent hosting sites. Cam girls come to battle, armed with ring lights, lingerie, and app-controlled instruments of pleasure.

Setting the stage the dance between exhibitionist and voyeur. Establishing the rhetoric that sex work, is indeed, undoubtedly work, work, work.”

“On Dreams and Screens” will be exhibited at the Rotterdam Photo Festival later this year. Read more about the project here and here, and check out the video and interactive website.

Ira Lupu is a photographer, multimedia artist, and writer born in Odesa, Ukraine, and currently resides in NYC. Her work explores the intersection of documentary and metaphorical space, and channels an offbeat vision of underrepresented communities and unrecognized heroes. Ira’s projects have appeared in the New York Times, Vogue, i-D, Dazed, Vice, and has been exhibited in the Dallas Contemporary and the Tbilisi Photography and Multimedia Museum. Ira is an Eddie Adams XXXIII alum, a Diversify.Photo’s “Up Next” photographer, and a member of Women Photograph Chapter Ukraine. As a recipient of the Director's Fellowship, she has graduated from ICP in 2020.

Website:

http://iralupu.com

Instagram:

@iralupu



Continua a leggere

La medicina estetica nasce come una branca medica con una visione olistica e interdisciplinare. Non si tratta solo di correggere le depressioni del volto, di rendere la bocca più carnosa o di togliere le adiposità localizzate, ma è molto di più. La medicina estetica interviene anche sui quei pazienti che soffrono di patologie cutanee o sistemiche, che hanno subito dei traumi fisici in seguito a un incidente o a una neoplasia. Per loro è nato il progetto H.E.L.P. (Help for Esthetic Longlasting Problems), ideato e promosso dalla Società Scientifica Agorà

LOS ANGELES, CA - DECEMBER 16:  Actresses Julia Roberts (L) and Meryl Streep attend the Premiere of The Weinstein Company's
Ageing with grace
Successful aging, uno stile di vita da seguire
Un approccio olistico e personalizzato per affrontare il tempo che passa in forma e salute. Il primo Centro italiano di questa disciplina è a Milano

“Il progetto, partito in via sperimentale nel nostro Centro, nasce dalla sempre più frequente osservazione dei pazienti che si rivolgono ai nostri ambulatori”, spiega il professor Alberto Massirone, Presidente Agorà e direttore del Centro Complicanze in medicina estetica. “I pazienti segnati da una patologia, da una terapia farmacologica, da un incidente o da un evento traumatico necessitano di una visione più ampia e completa. Sono persone che convivono con un problema estetico, ma soprattutto psicologico che va a incidere qualità della vita. Abbiamo messo a punto dei protocolli condivisi con la comunità scientifica con l’obiettivo di metterne in atto altri secondo la best practice da adottare per questi pazienti”.

Un aiuto concreto al problema estetico

Il Progetto HELP vuole fornire un aiuto concreto a quelle persone che si trovano senza risposte a un problema estetico e/o psicologico, secondario a un evento traumatico, una malattia o a un percorso di cure. “Il team medico è formato da esperti di medicina estetica, ma con diverso background che va dalla chirurgia Plastica ed Estetica all’oncologia”, spiega il dottor Marco Papagni, referente del Progetto Help. "Al team si aggiunge il supporto di psicoterapeuti, ma anche di estetiste professionali adeguatamente formate. Un aiuto concreto a 360 gradi, una cura particolare e personalizzata, in modo che questi pazienti possano accettare l’inestetismo. Il concetto di salute non prende in considerazione solo l’aspetto clinico ma anche quello emotivo, sociale, di auto-accettazione".

Identikit del paziente tipo

Finora esistono pochissimi studi relativi a questa realtà. Il primo passo del Progetto è stata la creazione di un’indagine statistica, rivolta alle persone interessate. “La survey permetterà di raggiungere le persone interessate grazie anche alla collaborazione di strutture ospedaliere, associazioni di pazienti e medici specialisti”, precisa la dottoressa Monica Renga, referente del Progetto. “Il progetto ci ha già permesso di identificare un paziente tipo: una persona che porta con sé, da oltre 10 anni, segni e cicatrici, derivanti da interventi chirurgici, terapie farmacologiche, traumi, tutti aspetti che incidono sulla sua qualità di vita. Sono pazienti che hanno stati d’animo contrastanti, dall’ansia elevata a pensieri negativi, fino a raggiungere la depressione e spesso sono incapaci di affrontare il trauma/cicatrice sul viso o sul corpo”. 

Come partecipare al Progetto

Inutile ricordare quanto la partecipazione anonima a questa indagine sia fondamentale, per partecipare alla survey basterà visitare il sito www.ricercahelp.it e rispondere alle domande. "In questo modo possiamo preparare una serie di protocolli ed efficaci per accompagnare il paziente attraverso un percorso riabilitativo dell’immagine di sé – conclude Papagni -. Tra i vari aspetti che stiamo valutando, rientra anche l’ostacolo economico. Adesso ci stiamo concentrando su diverse opzioni per abbassare i costi, mantenendo il livello più alto possibile nella scelta degli strumenti, permettendo così a tutti i pazienti la possibilità di intraprendere un percorso terapeutico e riabilitativo".



Continua a leggere

“It's a really weird concept because it's pornographic, it's sexual. But a lot of these things often don't even matter. Because people are there to talk to you.”ods01.jpg
“It's a really weird concept because it's pornographic, it's sexual. But a lot of these things often don't even matter. Because people are there to talk to you.”
Ira Lupuods02.jpg

"It was the most inexplicable, magical morning. I worked on a web camera for the whole night. All fatigued, I opened up the window.

And as if I was tripping, I started perceiving the trees, the people… I saw a kid crying, or a homeless person, and I felt their pain. Probably that was a side effect from bonding with men on the chat for the whole night.

Then, I decided to take selfies. And I saw some other face. It's not ME. IT'S SOMEBODY ELSE. I saw their whole life, and they started crying too."

Ira Lupu“Camera and a good ring light make you look like a movie star. Camming is like a game for me, where I need to achieve goals and collect bonuses.”ods03.jpg
“Camera and a good ring light make you look like a movie star. Camming is like a game for me, where I need to achieve goals and collect bonuses.”
Ira Lupuods05.jpgIra Lupu

Continua a leggere

A caccia del miglior shampoo (ma anche balsamo, cera, etc.) in circolazione? Vi aiutiamo noi. Dalla linea SUPERNOVA, di recentissima nascita, che mette in campo otto prodotti che concentrano ingredienti e caratteristiche, a partire dai nomi di ognuno, che puntano su un mondo del tutto femminile ed esigente a MÁDARA che fa della ricchezza interiore il punto di partenza per arrivare a utilizzare solo la purezza e la preziosità di ingredienti naturali ricchi a loro volta di eccellenti proprietà. Nel mezzo altri dieci marchi che nascono e si sviluppano nel tempo, attraverso l’esperienza, per rafforzare i capelli, difenderli e proteggerli da negative situazioni ambientali e dannose fonti di calore. Ribellarsi all’effetto crespo, regalarsi una messa in piega da gran soirée o massaggiarsi con il miglior shampoo delicato dopo una giornata di corsa: per ogni esigenza una soluzione che fa al caso di tutte e non di meno tiene ad avere un occhio di riguardo anche per l’ambiente dal quale, non tanto in fondo, derivano, tra l’altro, tantissimi degli ingredienti benefici che troviamo nelle composizioni di cui facciamo uso e che vi suggeriamo.

SUPERNOVA  Eve della linea Supernova
Eve della linea Supernova

Natural Haircare è la nuova linea completamente naturale riservata alla cura dei capelli. Nata dall’esperienza di Stefano Terzuolo, fondatore nel 2009 di GUM Salon a Milano, si rivolge a un pubblico femminile esigente ed eco-consapevole. Tutti i prodotti, creati artigianalmente in Italia, sono vegani, cruelty-free e senza glutine e al loro interno sono presenti ingredienti botanici di origine sostenibile. Ogni protagonista ha un nome femminile: Amy, Kate, Lucy-Leaven, Zoe, Joy, Meg, Salty ed Eve. Qui vi presentiamo proprio quest’ultima che dischiude olio di Baobab bio ristrutturante e rigenerante. Infuso che ripara, idrata e illumina i capelli, proteggendoli dall’esterno.

TIGI  Copyright Repair Shampoo di TIGI
Copyright Repair Shampoo di TIGI

Copyright Repair Shampoo è uno shampoo ricondizionante che rafforza e ripara i capelli danneggiati o fragili grazie a una miscela infusa con Colour Care Complex, mix esclusivo di cheratina, lipidi e olio di cocco. Diminuiscono i segni di rottura e i capelli diventano morbidi e più maneggevoli. Disponibile nei saloni TIGI e su www.dettofranoi.it/tigi

MARIA NILA Minerals di MARIA NILA
Minerals di MARIA NILA

Minerals è la sfida più recente di Maria Nila: cere vegan e cruelty-free incontrano un approccio sostenibile sotto ogni punto di vista. Nuovi ingredienti e packaging con basso impatto ambientale rendono possibile, a ora, l’unica collezione styling al mondo composta da cinque cere interamente vegane. I nomi sono evocativi e la loro ispirazione ha origine nella natura svedese e nei suoi mineral.

MAGICSTRIPES Dry Shampoo To Go di MagicStripes
Dry Shampoo To Go di MagicStripes

Dry Shampoo To Go È una confezione di cinquanta fogli in carta di Riso, amido di Riso, carbonato di Calcio e olio essenziale di Ylang-Ylang da passare lungo l’attaccatura dei capelli per poi spazzolarne i residui seguendo le lunghezze. I fogli assorbono con rapidità il sebo in eccesso donando volume e freschezza. Ideale per ritocchi last minute, dopo un allenamento o durante un volo.

OUAI Heat Protectant Spray di OUAI
Heat Protectant Spray di OUAI

Heat Protectant Spray di OUAI è un leggero spray che protegge la naturale lucentezza dei capelli anche, grazie alla presenza di polimeri, in caso di contatto o particolare vicinanza con fonti di calore. Spruzzare dalla radice alle estremità, pettinando le lunghezze per assicurarsi maggiore aderenza.

DAVINES More Inside Blowdry Primer di Davines
More Inside Blowdry Primer di Davines

More Inside Blowdry Primer è l’ultima novità prodotto di Davines. Un alleato pre-piega cremoso e in spray che riduce il tempo di asciugatura dei capelli e dona vita a styling più duraturi. Dona corpo e struttura, proteggendo la chioma da calore e umidità. La sua formulazione si contraddistingue per un elevato potere idratante che facilita il deposito di molecole d’acqua sui capelli.

GHD Straight On di fgd
Straight On di fgd

Straight On è uno dei dieci prodotti essenziali di ghd per massimizzare lo styling a caldo. Il risultato corrisponde a capelli lisci e disciplinati fino al giorno dopo. Il suo sistema di termoprotezione ricopre in maniera uniforme ogni ciocca con uno strato leggero e invisibile che crea una barriera tra lo styling tool e i capelli, l’umidità viene così trattenuta migliorando la lucentezza e donando un aspetto più sano alle chiome.

DR.HAUSCHKA Shampoo Gentle Cleansing di Dr. Hauschka
Shampoo Gentle Cleansing di Dr. Hauschka

Shampoo Gentle Cleansing di Dr. Hauschka è uno degli ultimi arrivati in casa e si rivolge a tutti i tipi di capelli. La sua composizione, particolarmente delicata, è a base di neem, rosmarino e cotogna e agisce fino alle punte. Al suo interno anche oli essenziali di limone, bergamotto e mentastro verde. Estratto di ceci ricco di proteine ed estratti di piante officinali che donano vitalità. Senza siliconi, è adatto anche a capelli trattati e colorati.

BOOMING BOB Hair Oil - Soft Coconut di Booming Bob
Hair Oil - Soft Coconut di Booming Bob

Booming Bob è un marchio svedese che presenta una gamma di prodotti botanici, completamente privi di acqua, per i quali vengono utilizzati oli, cere ed estratti nutrienti. Hair Oil - Soft Coconut è a base di olio di semi di girasole e olio di nocciolo di albicocca. Ricco di omega 6 e 9 che trattengono l’idratazione e prevengono i danni. L’olio di Argan e di Jojoba favoriscono invece la riparazione e riducono l’effetto crespo. Presenti ancora la vitamina E, l’estratto di rosmarino e di Calendula.

YVES ROCHER  Shampoo concentrato di Yves Roches
Shampoo concentrato di Yves Roches

Lo shampoo concentrato di Yves Roches nel suo formato da viaggio garantisce trenta lavaggi, esattamente come quelli di un formato standard da 300 ml: il suo tappo dosatore con l’eco-valvola permette di erogare la sufficiente quantità senza sprechi. Il flacone è realizzato con il 100% di plastica riciclata garantendo il 20% in meno di camion sulle strade. Per il bene dei capelli e anche del pianeta.

AMBEDUÉ Golden Oil di Ambedué
Golden Oil di Ambedué

Ambadué è un marchio italiano naturale e certificato che utilizza estratti vegetali di alta qualità, materie prime da fonti rinnovabili e attivi di derivazione naturale innovativi. Golden Oil è un trattamento ristrutturante, ricostituente e riequilibrante della fibra capillare grazie alla presenza di squalene, idrocarburo terpenico ad alto valore biologico, che viene estratto attraverso un riciclo e riutilizzo consapevole delle risorse naturali in modo sostenibile. Questo progetto è portato avanti in collaborazione con l’università di chimica di Torino.

MÁDARA Silk Micro-keratin Healthy Hair Mist di MÁDARA
Silk Micro-keratin Healthy Hair Mist di MÁDARA

Silk Micro-keratin Healthy Hair Mist di MÁDARA è uno spray capelli alla micro-cheratina naturale e certificato a base di micro-cheratina che aiuta a riparare i danni alle fibre del capello, a ridurre la rottura e le doppie punte. È arricchito con cheratina idrolizzata, caffeina rivitalizzante ed estratto nutriente di funghi Chanterelle. Questa formula leave-in, senza risciacquo, avvolge ogni fibra, rinforzando, levigando e districando i capelli opachi, fragili, danneggiati e lasciandoli più luminosi ed elastici.



Continua a leggere

Per la puntata numero 42 del Grande Fratello Vip Elisabetta Gregoraci è apparsa in studio con uno scintillante look ricoperto di paillettes total black. La showgirl dice addio alle trasparenze ma non rinuncia alla maxi scollatura e sopratutto ai sandali di lusso. Ecco chi ha firmato l'abito della Gregoraci e quanto vale il suo look.Continua a leggere

Continua a leggere

Tutte le borse più belle dalle sfilate e presentazioni digitali autunno inverno 2021 2022

Borse di pelle nera, dalla forma compatta e geometrica, si trovano in antitesi con i modelli maxi e dalla morbidissima leather che si adattano al contenuto per assumere nuove sembianze, ma anche borsoni che diventano zaini all'occorrenza: sono questi i maggiori trend avvistati alle fashion week digitali.

La moda autunno inverno 2021 2022 è attenta anche alle nuove esigenze e così re-inventa uno degli accessori feticcio, adattandosi alla contemporaneità: tracolle che diventano delle tasche o guanti per proteggere le mani e design inediti che si adattano alla curva della spalla. Come saranno le borse del domani? Ve lo sveliamo in questa photo-gallery: noterete come funzionalità ed essenza sono qualità che hanno un ruolo importante nella loro ultima fattezza. Unico accenno alla femminilità è una pochette dal formato XXL che si trattiene con forza tra le mani, al pari di un prezioso pegno.

Gabriela HearstLe borse firmate dalle sfilate autunno inverno 2021 2022Gabriela HearstGabriela HearstProenza SchoulerProenza Schouler3.1 Phillip LimUlla JohnsonAmbushThe RowAlyxLemaireY/ProjectY/ProjectY/ProjectBalenciaga


Continua a leggere

Eldina Jaganjac viene costantemente fissata per strada e insultata sui social: da circa un anno ha deciso di non depilarsi le gambe e di non ricorrere più a pinzetta e rasoio per rimuovere i peli sul viso. Ma non le importa se la chiamano 'baffuta' o 'monociglio' e vorrebbe che tutte le donne si liberassero delle pressioni sociali e degli obblighi in cui si sentono costrette, che si tratti di depilazione o altro.Continua a leggere

Continua a leggere

La moda felpe 2021 punta su accostamenti bon ton, anche all'insegna dei contrasti: ecco i 15 modelli chic da non perdere questa Primavera

Rubate già da tempo al mondo dello Sportswear dalla moda street, la felpa è riuscita, nelle ultime stagioni, a sperimentare stili sempre diversi. E per la Primavera Estate 2021 diventa super chic, pur rimanendo se stessa, da un lato attraverso abbinamenti bon ton, dall'altro grazie a forme romantiche e a stampe e décor floreali.

Il modello must-have di stagione è senza dubbio la felpa con cappuccio, anche detta hoodie, che Prada propone con gonne ampie midi con plissettature e stampe, dalle forme eleganti e raffinate, e con slingback colorate. È quasi couture quella di Givenchy, interamente tempestata da applicazioni gioiello su un impalpabile abito see-through. Quella firmata BOSS si indossa con cappotto formale anche se in pendant con dei semplici pantaloni da tracksuit. Rodarte, invece, le decora con colletti e ruches e punta tutto sui fiori. L'abbinamento è sempre con pantaloni o gonne che ripropongono la stessa stampa della felpa. Oppure con... nulla. L'importante è essere super femminili puntando sui tacchi giusti.

PARIS, FRANCE - JANUARY 06: Ellie Delphine wears golden earrings, a multi colored orange and blue striped wool Loewe fringed scarf, an orange wool oversized long coat with flared large sleeves from Mariam Al Sibai, a pullover with colored print, a blue leather bag from Gucci with a golden buckle, gray jogger sportswear pants from Norma Kamali, New Balance sneakers shoes, on January 06, 2021 in Paris, France. (Photo by Edward Berthelot/Getty Images)
Guida allo stile
Outfit Primavera 2021: come indossare il cappotto con la tuta
La moda street style porta in strada l'homewear

Guardate la gallery dedicata alla moda felpe 2021, e scoprite i 15 modelli chic per la Primevara.

PradaPradaPradaPradaPradaPradaGivenchyBalenciagaMarques AlmeidaRodarteRodarteRodarteRodarteRodarteBOSS


Continua a leggere

Fiorella Mannoia ha sposato il compagno storico Carlo Di Francesco, coronando il suo sogno d'amore dopo 15 anni di fidanzamento. Per il suo grande giorno ha evitato i classici abiti principeschi e, sebbene non abbia rinunciato al tradizionale total white, ha incantato tutto con un sofisticato look mannish con tailleur bianco e snekers glitterate.Continua a leggere

Continua a leggere

8 minuti per dire addio a 28 anni di Daft Punk. Il duo "robotico" che ha segnato la storia della musica elettronica e che non ha letteralmente mai sbagliato un solo colpo, è arrivato al capolinea e lo ha annunciato, a sorpresa, con un video dal titolo Epilogue.

Il video annuncio, pubblicato su YouTube e che potete vedere qui, è un commiato tanto spettacolare quanto straziante, ma soprattutto sembra proprio essere definitivo. Non solo per l'emblematica l'esplosione di uno dei due membri del gruppo (proveniente dal finale del film Electroma), ma per il fatto che, in coda al video, si sentono le note di Touch, brano contenuto nella loro ultima opera Random Access Memories datata 2013. Nessuna canzone nuova. Nessuno spoiler nascosto. Così è, se vi pare. Il resto è storia. 

Daft PunkRandom Access Memories
Daft Punk

E  così, dopo poco meno di 30 anni, il duo di Guy-Manuel de Homem-Christo e Thomas Bangalter (i veri nomi dei dj che si celavano sotto i caschi lucenti) arriva al suo capolinea dopo 4 album e una colonna sonora, quella di Tron: Legacy, vincendo tutti i premi conquistabili e soprattutto conquistando a dovere il titolo di veri Re Mida del mondo musicale. Ciò che i Daft Punk hanno toccato è diventato culto istantaneo, oro puro, successo definitivo: si pensi al rilancio assoluto che hanno avuto figure come Nile Rodgers o Giorgio Moroder dopo l'uscita di Random Access Memories o quanto ha influito un brano come Get Lucky nella consacrazione di Pharrell.

Daft Punk
Daft PunkDaft PunkDaft PunkDaft PunkDaft Punk

Ricercatori con l'amore della citazione, i Daft Punk sono stati per la musica quello che Quentin Tarantino è stato per il cinema: l'occasione di divertirsi scoprendo e riscoprendo, una porta aperta sulle gemme del passato, il segno inequivocabile che si può essere contemporanei senza dover per forza tracciare un solco di discontinuità con quello che ci ha preceduto.

Daft PunkI Daft Punk in vetta
Daft Punk

E se per caso questo addio fosse solo una clamorosa messinscena promozionale, se servisse per lanciare il loro nuovo disco, promettiamo di non prendercela: la gioia per poter ascoltare nuovamente suonare i Daft Punk supererebbe di molto qualunque eventuale presa in giro. In fondo anche gli androidi hanno un cuore, no? 



Continua a leggere

Per avere la barba sempre ben definita o gambe lisce e morbide, bisogna utilizzare gli strumenti adatti. In commercio sono disponibili diversi rasoi ed epilatori elettrici prodotti da marchi affidabili e seri, come Braun, che propongono una vasta gamma di articoli per la rasatura e l'epilazione con un ottimo rapporto qualità/prezzo. Scopriamo insieme quali sono i migliori disponibili su Amazon.Continua a leggere

Continua a leggere

Come sta il principe Filippo? La domanda rimbalza incessantemente intorno all'ospedale King Edward II di Londra, dove è ricoverato il Duca di Edimburgo e da cui non filtrano indiscrezioni di alcun genere. Eppure qualcosa, almeno indirettamente è dato sapere. Ma le informazioni sono contrastanti. L'ultima notizia in ordine di tempo, infatti, è l'arrivo del principe Carlo all'ospedale per fare visita al padre: un incontro durato 30 minuti al termine del quale, e qui si trova il dettaglio più emblematico, il principe è apparso molto provato e con le lacrime agli occhi.

La regina Elisabetta II e il principe Filippo: una love story eterna
Il matrimonio, 20 novembre 1947
Il matrimonio, 20 novembre 1947
Getty ImagesIl matrimonio, Abbazia di Westminster, 20 novembre 1947
Il matrimonio, Abbazia di Westminster, 20 novembre 1947
Central Pressterminata la celebrazione del matrimonio sulla balconata Buckingham Palace, 20 novembre 1947
terminata la celebrazione del matrimonio sulla balconata Buckingham Palace, 20 novembre 1947
IPAFoto ufficiale del matrimonio, 20 novembre 1947
Foto ufficiale del matrimonio, 20 novembre 1947
IPAFoto ufficiale del matrimonio, 20 novembre 1947
Foto ufficiale del matrimonio, 20 novembre 1947
Getty ImagesLa torta nuziale
La torta nuziale
Getty ImagesDurante la luna di miele a Malta, 1947
Durante la luna di miele a Malta, 1947
Getty ImagesDurante la luna, Hampshire, 1947
Durante la luna, Hampshire, 1947
Getty ImagesCon il piccolo principe Carlo d'Inghilterra, 1948
Con il piccolo principe Carlo d'Inghilterra, 1948
Getty ImagesCon la piccola principessa Anna, 1950
Con la piccola principessa Anna, 1950
IPACon il principe Carlo d'Inghilterra e la principessa Anna, 1951
Con il principe Carlo d'Inghilterra e la principessa Anna, 1951
Getty ImagesIn Quebec con l'aeronautica canadese, 1951
In Quebec con l'aeronautica canadese, 1951
Getty ImagesCon il principe Carlo d'Inghilterra e la principessa Anna al castello di Balmoral, 1952
Con il principe Carlo d'Inghilterra e la principessa Anna al castello di Balmoral, 1952
Getty ImagesSulla balconata di  Buckingham Palace dopo l'incoronazione della regina Elisabetta II, 2 giugno 1953
Sulla balconata di Buckingham Palace dopo l'incoronazione della regina Elisabetta II, 2 giugno 1953
Getty ImagesRoyal Tour a Kandy in Sri Lanka,  23 aprile 1954
Royal Tour a Kandy in Sri Lanka, 23 aprile 1954
Getty ImagesRitratto, 1958
Ritratto, 1958
Getty ImagesNel Tuktoyaktuk, Canada del Nord, 1970
Nel Tuktoyaktuk, Canada del Nord, 1970
Getty ImagesA Balmoral in Scozia, per l'anniversario delle nozze d'argento, 1972
A Balmoral in Scozia, per l'anniversario delle nozze d'argento, 1972
Getty ImagesA Balmoral in Scozia, per l'anniversario delle nozze d'argento, 1972
A Balmoral in Scozia, per l'anniversario delle nozze d'argento, 1972
Getty ImagesIn Nuova Zelanda durante il Commonwealth Tour, 1974
In Nuova Zelanda durante il Commonwealth Tour, 1974
Getty ImagesA Pentecost Island, Vanuatu, in Australia, 1974
A Pentecost Island, Vanuatu, in Australia, 1974
Getty ImagesInsieme alla principessa Sofia, sorella del principe Filippo all' International Driving Grand Prix, parte del Royal Windsor Horse Show, 1982
Insieme alla principessa Sofia, sorella del principe Filippo all' International Driving Grand Prix, parte del Royal Windsor Horse Show, 1982
Getty ImagesAlle Solomon Islands durante il tour ned sud del Pacifico, 1982
Alle Solomon Islands durante il tour ned sud del Pacifico, 1982
Getty ImagesCerimonia del Trooping the Colour, 1985
Cerimonia del Trooping the Colour, 1985
Getty ImagesRoyal Ascot, 2005
Royal Ascot, 2005
Getty ImagesIn visita al Manufacturing Research centre dell'University of Sheffield, 2010
In visita al Manufacturing Research centre dell'University of Sheffield, 2010
Getty ImagesAl banchetto di Stato nel castello di Dublino, Irlanda, 2011
Al banchetto di Stato nel castello di Dublino, Irlanda, 2011
Getty ImagesLondra, 2011
Londra, 2011
Getty ImagesAlla cerimonia di commemorazione per le truppe di stanza in Afghanistan, 13 marzo 2015 a Londra
Alla cerimonia di commemorazione per le truppe di stanza in Afghanistan, 13 marzo 2015 a Londra
Getty ImagesAl matrimonio della principessa Eugenie of York con Jack Brooksbank, 12 ottobre, 2018
Al matrimonio della principessa Eugenie of York con Jack Brooksbank, 12 ottobre, 2018
Getty Images

Certo, i medici, nel momento del ricovero, hanno parlato di un lieve malore, di un ricovero preventivo e di un principe in buone condizioni che si è presentato di sua spontanea volontà in ospedale. Dall'altro gli occhi lucidi di Carlo potrebbero denunciare una situazione clinica del tutto rosea. Certo, come fanno notare alcuni tabloid, se il principe Filippo versasse in condizioni davvero molto gravi Carlo non sarebbe di certo rientrato a Gloucester, ma soprattutto all'ospedale sarebbe stata avvistata la regina che invece è rimasta al castello di Windsor.

Il ritratto ufficiale del 73esimo anniversario di nozze della regina Elisabetta e del principe FilippoLa Regina Elisabetta II e il Duca di Edimburgo festeggiano il 73° anniversario di matrimonio - Ritratto ufficiale
Il ritratto ufficiale del 73esimo anniversario di nozze della regina Elisabetta e del principe Filippo
TRIP / IPA

Rimane tuttavia altissima l'attenzione intorno al principe consorte (lui e la regina hanno festeggiato il 73esimo anniversario di nozze), con decine di fotografi assiepati alle porte dell'ospedale. A questo punto non ci resta che attendere qualche informazione ufficiale.

Carlo arriva al King Edward II, dove è ricoverato FilippoBRITAIN-ROYALS-HEALTH-PHILIP
Carlo arriva al King Edward II, dove è ricoverato Filippo
TOLGA AKMEN


Continua a leggere


X

privacy